Autore del progetto
Progetti / ANDREA MARCOZ

LAVORI DI RESTAURO CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D’USO AD ATTIVITA’ TURISTICA RICETTIVA

Località Saint-Rhémy-en-Bosses
Anno 2015-2019
Condizioni Opere realizzate
Tipologia Recupero, restauro e ristrutturazione
Struttura prevalente Legno
Esigenze della committenza: La Committenza, proprietaria dell’immobile, ha come obiettivo la valorizzazione dell’immobile tramite un intervento di restauro e risanamento conservativo che preveda il cambio di destinazione d’uso da quella originaria a destinazione rurale, a quella di attività turistica ricettiva e abitazione temporanea. Interventi realizzati: L’immobile di intervento è ubicato nel centro storico della frazione di pleiney ad una quota media di circa 1.550,00 m s.l.m. L’intervento di restauro e consolidamento ha riguardato un insieme sistematico di opere tali da raggiungere prestazioni funzionali, strutturali, termiche, impiantistiche adeguate alla destinazione d’uso finale del fabbricato. A tale proposito, il punto di partenza è stato dal progettista (il progetto originario non è stato eseguito dallo studio GeArc), un rilievo approfondito nonché una ricerca storico documentale finalizzata alla piena conoscenza dell’immobile nonché all’approfondimento delle caratteristiche di rilievo dal punto di vista storico-architettonico del fabbricato. Il primo step è stato infatti l’ottenimento del parere autorizzativo da parte della Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali in ragione della classificazione del fabbricato quale documento all’interno degli strumenti di piano. Con l’ottenimento del parere ed il rilascio della Concessione Edilizia si è potuto procedere con l’avvio delle lavorazioni, meglio descritte in seguito. Aspetti tecnologici con riferimento a edifici rappresentanti le caratteristiche tipologiche costruttive del tessuto architettonico valdostano con specifica attinenza a fabbricati sottoposti a tutela di cui al D. Lgs. 42/2004 Il fabbricato esistente, situato in zona “A” del P.R.G.C., è un edificio storico, con tetto in legno a due falde con orditura in legno e copertura in lose di pietra. Il corpo di fabbrica è costituito da muratura portante in pietra e solai che al piano seminterrato risultano a volta in pietra mentre ai piani superiori presenta solai in legno. Tra gli elementi tipologici da rilevare si evidenziano i seguenti: finiture delle facciate in pietra a vista, presenza di architravi in pietra o legno e di archi in pietra, e finestre in legno e inferriate, balconi e ringhiere in legno. Dal punto di vista delle destinazione d’uso il fabbricato rientra tra le tipologie tradizionali, con locali seminterrati destinati a stalla, piano terra/rialzato destinato a civile abitazione e sottotetto a fienile. L’intervento è stato orientato al mantenimento dell’intera struttura portante, e al mantenimento delle aperture esistenti sui prospetti esterni, tramite un intervento di restauro e consolidamento dell’edificio, realizzando adeguamenti di carattere strutturale, igienico-sanitario e funzionali, necessari per la nuova destinazione ricettiva, senza intervenire in maniera importante sul complesso architettonico. Il progetto ha previsto sostanzialmente la demolizione e il rifacimento degli orizzontamenti, con travi in legno lamellare e soprastante soletta collaborante mista legno e calcestruzzo. Il collegamento verticale tra i piani è garantito dal una nuova scala in ferro,