Progetti / PIERANGELO CENSI

CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DEL NUOVO PONTE CICLOPEDONALE "DELLA NAVETTA". PARMA 2015.

Località Parma
Anno 2015
Condizioni Tavole di concorso
Tipologia Infrastrutture
Struttura prevalente Acciaio
Il progetto parte dal presupposto di voler recuperare i resti del Ponte Farnesiano e si propone di ricollocare il Ponte sull'antico tracciato cercando di dare un immagine a ciò che è rimasto, in seguito agli eventi calamitosi dell'alluvione, con una struttura leggera in acciaio, che appoggi in tre punti: uno all'inizio, uno nel punto di interruzione del Ponte danneggiato ed uno alla fine. La quota del nuovo Ponte è posta ad un altezza superiore di 1,50 mt dalla precedente per appoggiare sulla nuova quota di innalzamento degli argini. Il Ponte è costituito da un'arcata di 52,50 mt ed una di 17,50 mt ad arco interrotto, per voler evocare sottilmente la memoria di quanto accaduto. Il Ponte preesistente verrà consolidato e restaurato rimanendo ad una quota inferiore, la passerella superiore avrà un pavimento semitrasparente per poter permettere la vista sottostante. In questo modo si cerca di conservare il prezioso valore storico del manufatto che nell'immaginario collettivo ricorderà sempre la tragedia e la violenza dell'alluvione. L'immagine architettonica del Ponte trae ispirazione da un pesce: lo Storione che da sempre ha popolato la fauna ittica del Torrente Parma. Con questa soluzione si cerca di ricomporre la viabilità preesistente e dotare il quartiere Montanara di quell'importante collegamento fra aree verdi limitrofe che costituiscono una preziosa risorsa naturalistica della città.