Autore del progetto
Progetti / Lorenzo MAGGIO

TEMPORARY PAVILION FOR BARCELONA

Località Barcellona
Anno 2015
Condizioni Tavole di concorso
Tipologia Edifici pubblici
Struttura prevalente Acciaio
Un padiglione temporaneo per la città di Barcellona. Il sito è localizzato nel cuore di Port Vell, un baricentro per i turisti grazie alle sue attrazioni. Una passeggiata pedonale, la Rambla de Mar, collega La Rambla a Port Vell in una camminata sul mare. L’idea di progetto è generata tramite l’intersezione di alcuni dei punti identificativi della città. Il mare con il suo continuo movimento, le onde che modellano i suoni e gli odori in riva recitando una poesia denza fine. La vicinanza del monumento Mirador de Colom che celebra la scoperta dell’America, la cattedrale gotica di Barcellona Santa Maria del Mar. Ed ancora, le vele di una nave mosse dal vento che si allontana dalla linea di costa. Il padiglione è costituito da una base in legno, con tre gradini che lo elevano dalla piazza portando la quota di calpestio a 45 cm. Composto da tre alzate di accesso. Le onde modellano la copertura, composta da una struttura in acciaio reticolare di modulo triangolare, ripetuta per tutta la superficie. I pannelli sono costituiti da triangoli composti da tessuto che ricorda le vele di una nave, quindi dove in essi filtra la luce e l’atmosfera dell’insieme entra nell’ambiente interno e viceversa, l’ambiente interno è proiettato verso l’esterno. Nell’intercapedine della copertura sono progettati pannelli triangolari in vetro per isolare e chiudere la struttura. La copertura è sostenuta da pilastri circolari in acciaio, rastremati verso l’alto, per donare un senso di leggerezza alla struttura. Le chiusure perimetrali sono vetrate, favorendo la percezione della vicinanza del mare, ed illuminando gli ambienti con luce naturale per tutto il giorno. Gli spazi interni sono flessibili, composti da pareti rimovibili e riconfigurabili. E’ prevista un’area espositiva con configurazioni modificabili in base alle esigenze. Al centro del padiglione è progettato un patio, un vuoto di continuità, dominato da un albero posto al centro, come punto di riconoscimento e di equilibrio dell’intera disposizione interna degli ambienti.